Eligio Rubeis “rilancia” il suo braccio destro Alessandro Messa
Palozzi “scopre” Bruno Ferraro (dopo il fallimento a Marino)
E’ vera crisi: il simbolo Forza Italia sarà sulla scheda a Guidonia?

La conferenza stampa di Bruno Ferraro dopo l'uscita da "Tivoli Forma"

SIMIGLIANZE, analogie bibliche… non scomodare. Nulla di epico, nessuna “aura nobile” nelle ipotesi conclusive della trattativa al “tavolo” del centrodestra provinciale (o regionale, fa lo stesso), comunque ancora indeciso se santificare la liturgia con Messa (Alessandro, figlio dell’ex parlamentare Vittorio) al vertice della lista per le elezioni comunali (quando – e se – si terranno). Il “vogliamo solo Guidonia Montecelio, il resto spartitevelo voi” il refrain di Fratelli d’Italia. Si pronostica che se ne saprà […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In vendita i “gioielli di famiglia”, 60 milioni nelle casse del Comune
Alloggi, terreni agricoli (che diventeranno edificabili), capannoni
Una delibera del 2013 resa esecutiva dai commissari di Guidonia

pagherete caro

SARA’ STATO un lavoraccio per Angelo De Paolis procedere con il riaccertamento puntuale dei residui attivi e passivi del suo settore, i lavori pubblici. Si tratta dei crediti vantati e dei debiti maturati che fino a tutto il bilancio di spesa del 2016 hanno contribuito ad appesantire i conti. Non solo quelli dei lavori pubblici, ma di tutti i comparti, o aree amministrative, ai quali il commissario straordinario ha chiesto attraverso i relativi dirigenti, di usare […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A precedere altri rischi per la maltrattata, la procura di Tivoli
ricorre alle misure di prevenzione previste dal codice antimafia
“Divieto di soggiorno nei comuni frequentati dalla moglie”

violenza donne chiavi di casa

LA PROCURA di Tivoli propone per l’uomo il “divieto di soggiorno nei comuni frequentati dalla moglie”. Ricorrendo – un inedito – alla normativa prevista dal codice antimafia. La sezione misure di prevenzione del Tribunale di Roma accoglie. Per il momento, l’epilogo giudiziario di una brutta (ma non inconsueta) vicenda familiare. Un provvedimento di prevenzione, urgente, non previsto dal procedimento penale. Inteso a tutelare la donna maltrattata dagli effetti derivanti dall’imminente rientro del consorte dopo la detenzione. Effetti potenziali, ma sperimentati. Infatti, esattamente due […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Finiscono in carcere tre indagati nell’ennesimo scandalo sanità
Arrestato Mario Dionisi, gestore della “Diagnostica medica”
Il pm: 5mila euro/mese ai funzionari della commissione patenti

Mario Dionisi

COLLE CESARANO IL lunedì, Antonio Angelucci (l’ordine alfabetico è casuale) il mercoledì, nei prossimi giorni elencheremo sicuramente altro. Si inizia allora dal deputato di Forza Italia, accusato di aver tentato di “aggiustare” due processi in Cassazione: il sequestro per 7milioni di euro disposto dalla Procura di Bari nei confronti del consorzio San Raffaele e della Finanziaria Tosinvest (con l’aggiunta di una misura cautelare); una causa di lavoro con un medico, dipendente del San Raffaele, il cui ricorso pende in […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Messa è finita: a Guidonia il direttivo cittadino di Forza Italia
vieta per consiglieri e assessori uscenti la candidatura a sindaco
Alla divisione del centrodestra si aggiunge la sconfitta di Rubeis

Franco Giovannozzi e Maurizio Massini, gli autori del documento

IL DIRETTIVO degli azzurri di Guidonia Montecelio spacca il centrodestra: con cinque voti a favore e tre assenti (degli otto componenti) il comitato di Forza Italia ha votato e approvato all’unanimità il documento del proponente Maurizio Massini che dice “no” alla candidatura a sindaco per gli ex consiglieri “responsabili” morali e politici degli ultimi due anni di governo Rubeis. Un summit durato alcune ore, convocato per le 18 presso la sede cittadina del partito dal […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

GUIDONIA E IL “PLUS” SENZA CONTROLLI / 3
25mila euro al giorno per rilevare dieci giorni di traffico urbano
‘Urban mobility center’ è una tabella. Del valore di 258mila euro

Il logo del Plus

di TOMMASO VERGA IL “TEMA-PLUS” evoca un forziere, contenente bellissimi progetti (non proprio tutti) e adeguati capitali per realizzarli (traduzione dell’acronimo: “Plus” sta per programmi locali di sviluppo finanziati dall’Unione europea). Però, perché l’immagine divenga effetto, occorre superare un intralcio, che, inesorabile, si riscontra puntualmente alla fine della procedura relativa all’appalto o all’assegnazione: ma come/dove sono le opere? L’inchiesta di hinterlandweb ha dedicato due puntate specifiche alla “comunicazione”. Ora la terza, conclusiva. Però faremmo un torto al lettore se non ci imponessimo […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IPI, ECOCAR, DEODATI E I RIFIUTI DI CATANIA
Il “ponte” di 106 giorni per l’appalto della raccolta dell’immondizia
Una sola offerta precede l’aggiudicazione definitiva di 400 milioni
Nell’attività pure il contributo (lecito) di 50 mila euro all’ex sindaco
(E la conferma di “interdittiva antimafia” su ‘Pontina Ambiente’)

Un camioncino dell'Ecocar a Guidonia

di PIERLUIGI DI ROSA Sudpress, Catania LA GARA-RIFIUTI va all’imprenditore che diede 50 mila euro al sindaco di Catania. Si tratta del cosiddetto “appalto ponte” da circa 11 milioni per 106 giorni (prorogabili) per la raccolta dei rifiuti cittadini, in attesa che l’amministrazione di Enzo Bianco riesca a portare a compimento la mega gara da 400 milioni, il cui primo tentativo andato deserto è all’attenzione dell’Anticorruzione di Raffaele Cantone. Il verbale di gara vede unica partecipante l’Ati […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

VERSO LE ELEZIONI DI PRIMAVERA/IL PDL
E’ passata la bufera, è passato il temporale… ma che è successo?
Per Forza Italia, Eligio Rubeis designa Alessandro Messa
Ignorata la mozione “vietare agli uscenti la candidatura a sindaco”

lallo il sindaco

IL DISASTRO fu collettivo. La responsabilità politica dopo che morale di scandali e malgoverno va dunque ripartita tra tutti, consiglieri comunali, sindaci (quello eletto e il sostituto), su una intera classe dirigente che nel migliore dei casi ebbe il torto di non vedere né sentire quanto accadeva negli uffici e nella piazza. Una complicità seppur indiretta che attraversa le componenti del governo Rubeis-Di Palma nello sventurato biennio 2014 2016, nessuna esclusa. L’arresto del primo cittadino […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dalla fermata “metro Teano” alla “domiciliari Tivoli Terme”
“Bancarotta fraudolenta” l’accusa per i fratelli Di Virgilio
Il fallimento della “Cogedi” per un crac di 24 milioni di euro

Federico Di Virgilio

LA STORIA è iniziata dieci anni fa, con l’assegnazione di un subappalto alla “Cogedi” –la srl dei fratelli Di Virgilio, Federico e Alberto, sede in via dell’Aeronautica, tra Tivoli Terme e Borgonuovo –, da parte del general contractor  “Metro Scpa” (società consortile per azioni) titolare dei lavori per la realizzazione della terza linea metropolitana di Roma. Il lotto, la fermata “Teano” della linea C, che collega Borgata e Villa Gordiani tra loro e, insieme, con via dell’Acqua Bullicante. […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

VERSO LE ELEZIONI DI PRIMAVERA
La “rottura” nel Partito democratico influenza le “primarie”
Possibili cambiamenti (interni) anche nel Pd di Guidonia

triplano new

SESSANTA BANCHETTI distribuiti a Guidonia Montecelio per compilare l’”albo degli elettori” del Partito democratico. I quali esprimeranno la propria preferenza nella giornata di svolgimento delle “primarie”. In quella circostanza, si saprà il nome del candidato. A meno che… Appuntamento rinviato. Si doveva iniziare ieri l’altro, sabato 18, con i banchetti poggiati a Villanova, il centro di Guidonia, Colleverde, Colle Fiorito, Setteville Nord, Albuccione. Nei weekend a seguire, gli altri quartieri unitamente alle “ripassate”, fino al […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IL PROCURATORE CAPO SUL NUOVO ANNO GIUDIZIARIO
Menditto: radicata presenza di camorra, ‘ndrangheta, Cosa nostra
Disseminati depositi di armi da guerra, la cambusa della malavita
L’omertà sui reati contro la pubblica amministrazione e l’ambiente
Ed anche una “criminalità feroce” contro “cittadini in età avanzata”

Francesco Menditto

di ELISABETTA ANIBALLI e TOMMASO VERGA NESSUNA CONCESSIONE a un ambiente “romantico”, in passato anche giudiziario, che si vuole tratteggiare ancora “di paese”, “incline alle suggestioni del sentimento e della fantasia”, nel quale le liti riguardano il vicino confinante con la proprietà, i cani che abbaiano di notte, la scazzottata tra ubriachi, l’incidente stradale. Siamo ben oltre. Lo spaccio di droga, l’organizzazione criminale, le armi, fino al “modello di governo” di città nel quale un […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Corte dei conti: alla Cri di Latina danno erariale di 9 milioni
Vitaliano De Salazar (Rm5) dovrà rifondere 2 milioni 780mila euro
In aprile l’appello (ne dipenderà anche l’incarico al Policlinico)

Roma 12/10/2011. Foto di Andrea Panegrossi/GMT

di TOMMASO VERGA UN PROCEDIMENTO iniziato quasi una decina d’anni fa. Ed una nuova puntata, fissata in aprile, quando i giudici contabili dovranno definitivamente decidere dopo l’appello proposto dai condannati, contrario alla sentenza 515 della Corte dei conti del Lazio emessa il 3 dicembre 2015 (la pubblicazione risale al 5 febbraio 2016): quasi nove milioni di euro il danno erariale addebitato a quattro dirigenti della sanità. Tra i quali, Vitaliano De Salazar: la quota parte che […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

MAFIA CAPITALE / L’udienza dell’8 febbraio a Rebibbia
Mario Schina, il suggeritore per Marcellina e ‘Colle Cesarano’
“Fui io a indicare a Coltellacci quei siti, idonei per i rifugiati”

Mario Schina

(gi.gi.) “SEGNALAI a Sandro Coltellacci i siti di Marcellina e ‘Colle Cesarano’ a Tivoli, come idonei per i rifugiati”: così Mario Schina, collaboratore di Luca Odevaine, mercoledì 8 febbraio nell’aula bunker di Rebibbia. Dichiarazione spontanee, rese alla giudice Rosanna Ianniello alla presenza del pm Luca Tescaroli. Schina è accusato di corruzione aggravata ed è stato arrestato nel corso della prima tranche “Mondo di mezzo” nel dicembre 2014. Nel corso dell’interrogatorio, l’imputato ha detto che “la convenzione per i […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dal “patto delle sagne” alla riconquista del Comune di Tivoli
Il calumet della pace (se reggerà) tra le correnti del Pd
A Caronte-Piero Ambrosi il compito di unificare il centrosinistra

Tempo di elmetto per il sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti

UN CORPO ESTRANEO
LA FASE giovanile nella Dc locale, una elezione a consigliere comunale alla fine degli anni Sessanta, il vissuto completamente estraneo al perimetro cittadino, grand commis del ministero dei Beni culturali, funzione che (dopo le “rivelazioni” su hinterland del giovane Giuliano Santoboni) per la città si tradusse in un vincolo di rispetto di Villa Adriana proprio alla vigilia dell’accordo tra il sindaco Gallotti e il patron dell’Inviolata Angelo Deodati sull’apertura di una discarica sui terreni limitrofi. Tiburtino di nascita, Giuseppe Proietti tre anni fa lo è divenuto anche per “adozione” con l’avvento alo scranno di primo cittadino. Un “corpo estraneo” insomma. Alla pratica dei partiti e dell’amministrazione di Palazzo San Bernardino.

di TOMMASO VERGA TUTTO DIPENDE dalle decisioni di Giuseppe Proietti, il sindaco espresso dalla coalizione di liste civiche. Se tenterà il bis, la forma della politica (schieramenti, liste, candidati) prenderà una piega, in caso contrario si imporrà la sostanza. Che l’opposizione non traduce, nell’un caso o nell’altro, in un mutamento di “linea”, ma semmai, capitolo per capitolo, in modifiche di tattica e adeguamento di strategia. Ne appare espressione consapevole, almeno nella fase corrente, il centrosinistra cittadino. […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Convitto di Tivoli e la ‘trasparenza’ del nuovo Istituto alberghiero
Si ignora bando di gara, prezzo di aggiudicazione, costruttore
Il sito web dormiente. Salvo la data: aggiornato al 14 giugno 2015

Antonio Manna

di TOMMASO VERGA SI PUO’ SCEGLIERE. La legge lo consente. Però ci sono dei limiti. Ai quali, obtorto collo, si deve sottostare. Poniamo serva un architetto: “prendiamo quello di Fondi”. L’importo della prestazione? “Inferiore ai 40mila euro iva esclusa”. Fatto. Si può (in uno screening sugli affidamenti professionali o per opere pubbliche 39.900 euro soverchiano ogni somma, un limite permanente). A Tivoli o nella città metropolitana di Roma c’è penuria di analoghe figure, che costerebbero […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le rivelazioni sui capitali esportati in Svizzera da Felice Maniero
Il suo luogotenente: non ha detto tutto grazie alle “coperture”
I contratti a Guidonia e Fonte nuova: qualcuno lo ha indirizzato?

Felice Maniero ai tempi di "faccia d'angelo"

di TOMMASO VERGA UNA VOLTA ERA consuetudine: “Buongiorno, sono il rappresentante…” di una società di aspirapolvere, di una enciclopedia, di un… eccetera. Da tempo non più, nemmeno i propagandisti di una nota marca di religione provvedono alla sveglia mattutina, il “porta a porta” in disuso, superato dalle regole del merchandising. Un’anomalia organizzativa quindi i contratti stipulati dai Comuni di Guidonia Montecelio e Fonte nuova con l’“Anyacquae srl”. Si presenta tal Luca Mori e diparte con in tasca […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

De Salazar lascia la Rm5 (andrà a dirigere il Policlinico Umberto I)
Nell’eredità al successore (se verrà) l’accordo su “Albuccione”
In tre anni la “fondazione Gari” dovrà alienare costruzioni e terreni

Albuccione, quartiere di Tivoli e Guidonia

di TOMMASO VERGA LA RM5 PERDE il capo. Vitaliano De Salazar, il direttore generale in carica dal 1° novembre 2015, scenderà da Tivoli per insediarsi al vertice del “Policlinico Umberto I”. Superate in questa settimana le ultime resistenze. In eredità al successore (ammesso occorra: la Rm5 è in fase di liquidazione), il manager lascia una serie di questioni aperte. La principale delle quali, si direbbe, è la definizione del “nodo Albuccione”, 258 ettari suddivisi tra […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche la “Csa srl” nell’odierna “operazione 26 milioni” sequestrati
E’ l’azienda di Castelforte che trattava i rifiuti di Guidonia
dopo la chiusura definitiva della discarica dell’Inviolata nel 2014

L'impianto di Castelforte della "Csa" (da 'latinacorriere.it)

APPOSTI I sigilli a 13 impianti di rifiuti e a due discariche nella regione, sequestrati 26 milioni di euro che la Procura della Repubblica di Roma ritiene profitto di attività illecite. 31 gli indagati. I provvedimenti a conclusione delle indagini svolte dalla Dda capitolina (la Direzione distrettuale antimafia). Le contestazioni: per più titoli di reato, gli indagati sono accusati di aver svolto attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e violazione delle prescrizioni Aia (Autorizzazione […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

‘ABUSO’ E ‘ABUSARE’ AD ALBUCCIONE
Vendo casa su Fb, i nomadi elettrizzati, la raccolta è “differenziata”
Le negligenze di Tivoli e Guidonia, le colpe di Asl e Regione Lazio
Il caso limite: pagata la ‘sanatoria’ mai rilasciati i relativi certificati

Albuccione, il quartiere tra Tivoli e Guidonia Montecelio

di TOMMASO VERGA QUESTA MANCAVA. Non che non fosse mai accaduto nei settanta anni di storia. Però si è sempre salvata la forma, ora è sufficiente un post su Facebook. Superficie dell’abitazione, spazio circostante, prezzo (“contattami in privato”), infine la puntualizzazione: “non mutuabile”. Che specifica il retroscena dell’operazione, visto che a vendere non è il proprietario ma l’affittuario, soggetto inesistente per la banca. Alla pari del disciolto Pio istituto di Santo Spirito e ospedali riuniti […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

VERSO LE ELEZIONI (DI PRIMAVERA?) A GUIDONIA / IL PD
Simone Guglielmo-Emanuele Di Silvio si contendono le “primarie”
A scompaginare il disegno il top manager Marco Rettighieri

Marco Rettighieri

di TOMMASO VERGA ANCHE UN “MISTER EXPO” in corsa per lo scranno più alto di Guidonia Montecelio. Candidato? Non ancora. Al momento, le suggestioni dei proponenti sono rivolte al “se” e al “quando” deciderà di accettare l’offerta. Venuta non soltanto dal Partito democratico si precisa, e non vincolata all’appartenenza politico-partitica. Espressione di una coalizione vasta, sintesi di un “governo di salute pubblica”. Il nome? Marco Rettighieri. Un top manager guidoniano, il curriculum denso di incarichi […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il “sistema Cotral”: ‘procedure operative complesse e farraginose’
‘controlli interni lacunosi o, meglio, praticamente inesistenti’
Il gip e i pm denunciano la gestione, intanto i vertici battibeccano

2017 cotral nuovi bus, jan

di TOMMASO VERGA COTRAL. LA PRECEDENZA alla cronaca. Al momento, sottoposto a custodia cautelare Mauro Valentini, titolare di una società appaltatrice, mentre raggiungono il numero di 50 gli avvisi di garanzia, comprendenti una ventina di dipendenti dell’azienda in tutto il Lazio, accusati di “aver favorito i proprietari delle officine di manutenzione omettendo volutamente di effettuare i prescritti riscontri e convalidando la regolarità delle lavorazioni effettuate a tutto vantaggio dei fornitori”. Scrive Massimo Battisti, il gip […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sarà José Bergoglio il “primo cittadino” di Guidonia Montecelio?
Dalla visita di domani a Setteville interrogativi sulla residenza
Vìctor Manuel Fernández: il Papa non deve abitare sempre a Roma

José Maria Bergoglio con Vìctor Manuel Fernández

di TOMMASO VERGA SARA’ FRANCESCO il prossimo “primo cittadino” di Guidonia Montecelio? Motivo di interesse (e di aspre polemiche) secondo Sandro Magister, il vaticanista-principe dell’informazione nazionale, che ne parla dettagliatamente – seppure con qualche tratto di incredulità – sul suo blog Settimo cielo. Tutto ha inizio con una intervista dello scorso giugno a Religión Digital. A parlare della possibile residenza extra-territoriale di Jorge Mario Bergoglio, è l’arcivescovo argentino Víctor Manuel Fernández, rettore della Universidad Católica Argentina di Buenos […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 12 gennaio un sopralluogo della Commissione antimafia al Car
Pallottini e Regione: “mai ravvisati episodi di infiltrazioni criminali”
Ottaviano: “nessun controllo su provenienza di merci e fornitori”

IL CENTRO AGROALIMENTARE E LA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA
La invasività delle “famiglie” conduce Francesco Menditto a soffermarsi sul Car, il centro agroalimentare nella Tenuta del cavaliere. Con una citazione proveniente direttamente dalla Dda, la Direzione nazionale antimafia. La quale rileva che “storicamente, nella zona di Guidonia e Tivoli, il rischio di infiltrazioni criminali di tipo mafioso si concentra nel Car in considerazione dell’entità degli interessi economici che ruotano intorno ad esso, poiché è il polo commerciale più grande d’Italia. Sono soprattutto i clan campani che paiono fortemente interessati ad ‘investire’ nel settore. Diffusi sono gli episodi di usura in danno di commercianti. La presenza di soggetti affiliati alla criminalità organizzata va ricollegata ad una silenziosa infiltrazione economica effettuata con attività di riciclaggio e con il reimpiego dei capitali di provenienza illecita”. Conclusione: il Car è oggetto di indagini del centro operativo Dia di Roma su delega della Dda di Napoli.

di TOMMASO VERGA NEL CENTRO agroalimentare di Roma (il Car) nessuna presenza di organizzazioni criminali. Lo fissa un verbale-comunicato curato dall’ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio. Il dettaglio: “La Commissione speciale sulle infiltrazioni mafiose e sulla criminalità organizzata nel territorio regionale ha incontrato – il 21 ottobre 2016, ndr – il direttore generale del Centro agroalimentare di Roma, Fabio Massimo Pallottini, e il direttore operativo Mauro Ottaviano. L’audizione, richiesta dal consigliere Gianluca Perilli, era finalizzata a verificare […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PUBBLICATI DAL MINISTERO I RISULTATI DEL 2016
Aumentati le visite e gli incassi nei siti monumentali e archeologici
Villa d’Este mantiene la posizione, Villa Adriana esce dalla classifica

villa adriana

di GIULIANO GIRLANDO IL MINISTERO dei Beni culturali ha reso nota la classifica dei musei e dei siti archeologici italiani più visitati in relazione all’anno appena concluso. Sui 30 siti che hanno registrato le maggiori frequentazioni la parte del leone spetta al Lazio con 19 milioni di accessi (di cui un terzo su Roma, distribuiti tra Colosseo, Foro e Palatino), in calo di 150 mila unità rispetto al 2015. Per Tivoli numeri insoddisfacenti: Villa d’Este mantiene la […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’aspettativa per “tramutare” un dipendente in dirigente
e garantirgli un “ingiusto profitto” secondo la Procura di Roma
Non solo in Campidoglio, a Guidonia è storia di un anno fa

di ELIA PINCI SE VIRGINIA Raggi rischia la imminente (già oggi?) iscrizione nel registro degli indagati per abuso d’ufficio (un atto pressoché dovuto a questo punto della indagine) lo stesso varrebbe per altri sindaci/facenti funzione che hanno adottato le medesime procedure con le stesse finalità: garantire “un ingiusto profitto” a dipendenti comunali assunti a tempo indeterminato, cambiandoli di funzione e di riferimenti contrattuali, abusando dell’istituto dell’aspettativa. Il fulcro della indagine che in queste ore scuote […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: