Il depuratore di Eligio Rubeis e Terranova alla giustizia penale
La guardia di Finanza sequestra il fascicolo in Comune
I tre giorni trascorsi tra una delibera e una sentenza inosservata

Eligio Rubeis

di TOMMASO VERGA ANTEFATTO “storico”. Era il giovedì d’un mese del secolo scorso, il 2003, come ogni settimana hinterland usciva in edicola. Quella volta, in contemporanea con il Consiglio comunale di Guidonia Montecelio convocato con all’ordine giorno l’approvazione della “Pizzarotti”, sintesi del cognome del costruttore associato con la “Cmr” (Cooperativa muratori riuniti di Argenta, fallita nel 2011 per 140 milioni di euro). La Regione Lazio, alla quale competeva la valutazione delle domande interessate all’articolo 18 […]

  • 82
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    83
    Shares

La “notte bianca” dei commercianti di Villalba si tinge di nero
Il Comune di Guidonia nega il patrocinio (gratuito) all’iniziativa
L’anno scorso nessuno obiettò (però con la Festa tricolore…)

Il manifesto della "notte bianca" dello scorso anno

LACONICA la notizia diffusa: la “notte bianca” promossa dai commercianti di Villalba di Guidonia non ha ottenuto il patrocinio del Comune. “Bene” il commento ricorrente del lettore, con i tempi che corrono un bel po’ di soldi risparmiati. Però, se si fosse aggiunto che il municipio non avrebbe speso nulla perché gli esercenti hanno chiesto sì il “patrocinio” ma gratuito (altro non vuol dire che utilizzo del logo del Comune sui manifesti), i giudizi sarebbero stati […]

  • 138
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    139
    Shares

DOPO UMBERTO FERRUCCI FUORI ANCHE ROSA MARIANI
10 anni e la svolta epocale a Guidonia Montecelio
Una storia di vertici che necessita e impone il “diritto all’oblio”

Rosa Mariani, segretaria del Comune di Guidonia Montecelio

DOPO DIECI anni ininterrotti alla guida della macchina burocratica dell’ente Rosa Mariani lascia. La ‘zarina’, così appellata dai dipendenti per certe sue attitudini spicce a risolvere le controversie assai frequenti negli uffici comunali, il segretario generale al contrario più amato di sempre da politici e imprenditori se ne va. Per “corrispondenza”. Missive scambiate tra la dirigente e il commissario straordinario, con il quale i rapporti si narra non fossero propriamente idilliaci. Così, tra una domanda e una […]

  • 75
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    76
    Shares

Gestione raccolta indifferenziata, recapito “Csa srl” di Castelforte
La Regione Lazio applica la “tariffa definitiva” dal 2015
Per Guidonia Montecelio c’è un anno di arretrati: 300 mila euro

csa

(t. ve.) ALTRA “stangata” per Guidonia Montecelio. Con la determinazione n. G09695, la Regione Lazio ha deciso che la tariffa per la gestione dei rifiuti indifferenziati trasferiti alla “Csa srl” di Castelforte, in provincia di Latina, subisca un aumento del 25 per cento, i precedenti 99,47 euro a tonnellata lievitano a 124,74, soggetti a “rivalutazione monetaria annuale secondo l’indice Istat con efficacia dalla data di emissione del presente atto”. La decisione della Pisana è del 1° […]

  • 106
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    107
    Shares

Indagato per reato connesso ma già richiesta l’archiviazione
In aula il sostituto Tescaroli informa Daniele Leodori
E il presidente del Consiglio regionale sceglie di non rispondere

Daniele Leodori, presidente del consiglio regionale del Lazio

(gi.gi.) COLPO DI scena nel processo “mafia capitale”. Nell’udienza del 15 settembre, chiamato a testimoniare dalla difesa di Salvatore Buzzi, Daniele Leodori, presidente del consiglio regionale del Lazio, in quanto indagato per reato connesso, s’è avvalso della facoltà di non rispondere. Tutto in pochi minuti: a dibattimento appena avviato, il sostituto Luca Tescaroli ha informato l’uomo politico, precisando che la Procura aveva chiesto l’archiviazione delle accuse ma di essere in attesa della decisione del gip, aggiungendo infine che  si sarebbe potuto […]

  • 20
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    21
    Shares

All'”Avr spa” l’incarico della spazzatura delle strade di Guidonia
Nessuna domanda sugli odori prodotti dall’impianto
Per il Comune evidentemente “salvaguardia” non è comune

Il complesso dell'Avr a Guidonia Montecelio

(t. ve.) 33 MILA EURO fino a dicembre, comprensivi dell’attività iniziata (in via provvisoria) a maggio, la spazzatura delle strade con il recupero del derivato. Dell’ordinanza n. 61 del 07 settembre a firma del dirigente Gerardo Argentino, beneficia l’Avr spa. Il “costo di smaltimento di 80 euro a tonnellata (risulta) estremamente vantaggioso per l’ente”. Quindi, l’azienda che tante proteste ha sollevato sin dalla nascita (e si continua), acquisisce ufficialmente la cittadinanza del Comune di Guidonia Montecelio. […]

  • 56
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    57
    Shares

Rinviato senza data il pagamento delle retribuzioni ai lavoratori
(solo a quelli in ‘solidarietà’; tutto a posto per la coop)
Il sindacato Sicel: i Faroni stanno trattando la vendita dell'”Ini”?

medicus hotel

di GIULIANO GIRLANDO LE MENSILITA’ del mese di agosto subiranno ritardi dei quali non si conosce ancora l’entità, ovvero non possiamo pagare e non sappiamo quando potremo. In ordine di tempo, la comunicazione è dell’8 settembre, a firma del “gruppo Ini” (Istituto neurotraumatologico italiano: Villa Dante, Medicus hotel, Canistro, Grottaferrata…). La seconda, del Sicel (Confederazione europea del lavoro), è dell’11 settembre: oltre alle proteste per la mancata corresponsione della retribuzione, la nota contiene una domanda diretta […]

  • 144
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    146
    Shares

“DISSESTO OR NOT DISSESTO? THAT IS THE QUESTION”
Il commissario chiama alla “resa dei conti” Guidonia Montecelio
Non scalabile la montagna dei debiti fuori bilancio
Sui cittadini la prospettiva di lacrime e sangue a lungo termine

dissesto non dissesto

di TOMMASO VERGA IL RUMORE, nelle intenzioni, avrebbe dovuto assomigliare a quello del registratore di cassa quando emette lo scontrino. Il fatto è che viceversa il trrrdin ha continuato a sommare, a elencare numeri su numeri, tanto da invocare un presagio per astrologare il finale (avvertenza: quanto segue è materia specialistica, ostica anche per gli addetti, ci si scusa per errori di lettura-interpretazione non voluti ma decisamente possibili). Gli “scontrini”, per caratteristiche e fisionomia hanno provocato più d’una sorpresa. Negativa. Ovviamente si […]

  • 100
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
    102
    Shares

Altro licenziamento della clinica Colle Cesarano (una sindacalista)
Dopo la sentenza di Tivoli, persa la causa al tribunale di Roma
La giudice: nessuna violazione, nessun tratto connotato da gravità

psicomalato

di GIULIANO GIRLANDO LICENZIATA “in tronco”. Ma un anno dopo reintegrata. E’ il “caso” di Claudia Gaudenzi, infermiera di Colle Cesarano, messa fuori dalla clinica il 17 giugno del 2015, perché, durante una ispezione notturna (a sorpresa), mostrò la struttura a Massimo Baroni e Davide Barillari, parlamentare e consigliere regionale, entrambi del movimento 5stelle. La visita era stata organizzata allo scopo di verificare la sussistenza dei requisiti per l’accreditamento con il servizio sanitario nazionale, dopo che […]

  • 30
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    31
    Shares

Cacciati da “Stacchini” i rom si insediano ad Albuccione
Manifestazione degli abitanti programmata il 23 settembre
Ma il problema non si risolve senza un campo attrezzato

roulottes

FUORI DA “Stacchini”? Ci prendiamo Albuccione. Distante qualche centinaio di metri. Vattene da qua… e io mi metto là… una giostra, senza soluzione di continuità. I consueti quattro cantoni della politica. Così ora a protestare contro la presenza degli zingari sono gli abitanti della borgata di Guidonia Montecelio. Tra i quali sta prendendo corpo una manifestazione di protesta fissata per il 23 settembre, preceduta dagli incontri con le istituzioni per tentare di risolvere il problema. Che […]

  • 15
  • 1
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    17
    Shares

Da Maurizio Venafro ad Angelo De Paolis, tutte le “manovre”
per aggirare le disposizioni del Testo sugli enti locali
Il parere di Cantone a Raggi chiude l’epoca della ‘finzione staff’

Raffaele Cantone

DA UNA PARTE quelli che sghignazzano (i parchi sbeffeggiano), dall’altra chi si trincera dietro il mantra della “trasparenza”. Nessuno risulta aver fatto caso all’aspetto che accomuna entrambe le curve (ormai la politica è merce da stadio): aldilà del savoir faire di rigore, la replica di Raffaele Cantone a Virginia Raggi – firmataria della richiesta di parere a proposito degli articoli 90 e 110 del Tuel –, non distingue tra fans della sindaca di Roma  e denigratori, perché censura un comportamento nei […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

DEL 2008 LA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA
Ieri, la “Bartolini Brt” ha iniziato le attività a Guidonia Montecelio
Ennesimo problema per il Comune: le opere di urbanizzazione
dovevano essere affidate mediante una gara di evidenza pubblica

2016-08-29 capannoni 1

di TOMMASO VERGA “BRT BARTOLINI” E’ giunta al termine di tutte le fasi preliminari. Ieri, lunedì 29, è iniziata la movimentazione nella nuova filiale di Casal Bianco, a Guidonia Montecelio. Primo step che sarà seguito da un successivo che troverà soluzione all’indomani della verifica dell’andamento delle attività delle festività di fine anno. La premessa: “ottimizzazione delle risorse”. Il che lascia pensare non vada escluso il ridimensionamento di qualche filiale o magazzino tra gli operativi un po’ ovunque. Infatti, nei piani aziendali, stante la dislocazione, al punto-Guidonia è […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

“Ehi! c’è il metanodotto!”. “Chissene… noi facciamo l’acquedotto”
La canalina per sollevare Pontelucano dagli allagamenti
ha compromesso la distanza di sicurezza con la pipeline del gas

Lavori in corso al Mausoleo dei Plauzi

di GIULIANO GIRLANDO SU YOUREPORTER è conosciuto con lo pseudonimo di Smartjoe e i suoi video-racconti sul territorio tiburtino mostrano verità spesso taciute e coperte. Proprio giorni fa mentre svolgeva un servizio sul Mausoleo dei Plauzi, ormai tristemente famoso non per la sua storia millenaria ma per il “muro della vergogna” tuttora difeso dalla pubblica amministrazione, fa una scoperta che lui stesso definisce inquietante: “Dopo le idrovore che, durante le criticità meteo scaricano acqua di […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

La Asl non va in ferie e si dedica agli utenti del “centro Alzheimer”:
il 15 settembre arriva un ‘nuovo soggetto erogatore’ dei servizi
Questa mattina (16 agosto) assemblea dei familiari degli ammalati

La comunicazione della Asl Rm5 all'Ihg

(g. gi.) LA COMUNICAZIONE è datata 9 agosto. Tre le firme, tutto il vertice della Rm5: Francesco Malatesta, Domenico Bracco e Vitaliano De Salazar, il direttore generale. Il destinatario è l’Ihg (Italian hospital group), al quale è stata intimata la cessazione del servizio di assistenza domiciliare agli afflitti da alzheimer. Attività che dal 15 settembre sarà affidata a un “nuovo soggetto erogatore”, in sostituzione dell’attuale insediatosi 14 anni fa. Non un cenno sulle motivazioni, men che meno sull’operatore prescelto. Compensa la ‘postilla’: siccome […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

La gola squarciata (parla troppo), 30 colpi di piccone (come Giuda)
I criminologi interpretano i “segni” della furia omicida
Si riapre l’indagine sulla morte di Sergio Calore: pista, la vendetta

L'omicidio del giudice Vittorio Occorsio

di TOMMASO VERGA SERGIO CALORE e la sua uccisione. Secondo fonti bene informate le indagini sono riprese per accertare i motivi dell’assassinio e soprattutto scoprire chi ne sia stato l’autore. Un “giro di boa” ampiamente atteso nonostante le dichiarazioni ufficiali, da “cronaca nera”, rilasciate all’indomani del 6 ottobre 2010, quando Emilia Libera, la moglie – terrorista anch’essa, ma “rossa”, conosciuta nel supercarcere di Paliano –, ne scoprì il cadavere nel casolare di via Colle Spinello, […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Da Colle Cesarano il finanziamento agli “Annali” di Cineto romano
Ma il milione e duecentomila euro non appaiono nei bilanci
Massimo Baroni (5stelle) al governo: si revochi l’accreditamento

"Gli Annali" di Cineto

(t. ve.) L’IMPEGNO di Massimo Forti è risultato sinora dedicato alla gestione degli “Annali” di Cineto Romano, una Rsa (residenza sanitaria assistenziale) che ebbe il suo momento di notorietà quando finirono in cassa integrazione due dozzine di dipendenti dei quali 18 persero definitivamente il posto di lavoro – tra i quali Monica Gregori, la parlamentare di Sinistra italiana – il 31 dicembre 2013. Per rientrare nei parametri fissati dalla Regione Lazio la motivazione, unita alla […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Le “linee guida” e le strategie del nuovo Piano regolatore di Tivoli
“Senza consumo di suolo” e “pendolarismo in tempi congrui”
Ignorata (anzi…) qualsiasi ipotesi avversa a Roma “radiocentrica”

Nessuna confusione: una giornata di ordinaria vivibilità sulla via Tiburtina

di TOMMASO VERGA A TIVOLI-CITTA’, l’affermazione “senza ulteriore consumo di suolo” è talmente condivisa da non lasciare quasi traccia. Perché risiede nella consapevolezza generale l’interrogativo “quale suolo?”. Ovunque, nella pratica, la questione si pone – l’esempio esemplare è Guidonia Montecelio – per contrastare le mire dei “palazzinari”. Che però, nel caso, guardano altrove, considerando Tivoli un campo di battaglie superate e vinte. Infatti la città non ha più suolo disponibile. Tolti residui, limitati ettari distribuiti […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Non “persiste l’interesse all’ulteriore prosecuzione dell’incarico”
“E’ venuto meno il rapporto di fiducia”: Marani licenzia Ferrucci
In sua vece Marco Simoncini richiamato dalla città metropolitana

Umberto Ferrucci

LICENZIATO Umberto Ferrucci. Meglio: “non persiste l’interesse dell’Amministrazione comunale di Guidonia Montecelio all’ulteriore esecuzione dell’incarico di dirigente”. Un periodo virgolettato, “burocratese” che vorrebbe addolcire la sostanza del provvedimento, che però nelle premesse tira comunque in ballo le “dichiarazioni mendaci” dell’ingegnere relative alla condanna di otto mesi comminatagli dal tribunale di Tivoli. Il dirigente comunale era in procinto di riprendere il suo posto dopo la sospensione di 18 mesi adottata per il medesimo motivo, in applicazione […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Eligio Rubeis rimane ai domiciliari, respinta l’istanza dei difensori
A rischio le prove dell’udienza del 2 novembre o pericolo di fuga?
Anche se l’11 ottobre cessano i 15 mesi di carcerazione preventiva

Eligio Rubeis

(t. ve.) RESPINTA la nuova istanza di scarcerazione, Eligio Rubeis rimane agli arresti domiciliari. Tramontata definitivamente la possibilità di riacquistare la libertà, all’ex sindaco di Guidonia Montecelio non resta che attendere l’11 ottobre quando scadrà il limite massimo dei quindici mesi di detenzione preventiva. Sull’ipotesi più benevola, trapelava ottimismo all’indomani della terza udienza dell’11 luglio: sciolto il Consiglio comunale di Guidonia Montecelio veniva meno la possibilità di “reiterare il reato”, motivo più che sufficiente a giustificare […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Il commissario a conclusione della perlustrazione: troppi debiti
La conseguenza potrebbe significare “dissesto finanziario”
Un mese per scovare i “numeri”… ma allora il “bilancio Di Palma”?

I commissari Giuseppe Marani e Carlo Foti

GIUSEPPE MARANI un mese dopo. Cosa ha ricavato dall’esperienza vissuta nelle stanze del Comune di Guidonia Montecelio? Di quella umana – pur immaginando, conoscendo i luoghi e chi li frequenta – non va detto nulla, appartiene all’intimo della persona ed è bene che lì alberghi. Invece interessante gli amministrati, i cittadini, è la funzione, lo sbrogliamento della matassa propria del titolo, un prefetto dello Stato italiano. Il primo annuncio del commissario di governo, succeduto allo […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Personale & Comune: 2) rup, parenti, p.o., amici, stagisti
“Ma quante belle figlie madama Dorè” nel municipio di Guidonia
E la casta degli inamovibili, nemmeno ‘adatti’ alla rotazione

La pagina 23 del piano triennale anticorruzione

LA COMMISSIONE ALIA E IL BASSO TASSO DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI

INTANTO Giuseppe Marani si occupa del camposanto, e compone una commissione d’indagine sull’assegnazione dei lavori per il raddoppio del cimitero. Giunta con due anni di ritardo rispetto all’aggiudicazione dell’appalto al “Consorzio Comor”. Quindi nomina una commissione di dirigenti del Comune per accertare i motivi, a cominciare dal capire perché Salvatore Mazza – ex responsabile dell’ufficio - si sia opposto alla privatizzazione della struttura. In sostanza cosa è accaduto?
Al vertice della neonata commissione, Marco Alia, responsabile dell’anticorruzione cittadina; ai lati, Antonietta Auciello e Paola Piseddu. Il problema è proprio qui: Alia ha già espresso il proprio convincimento sulla questione-cimitero, dichiarando nero su bianco “basso” il rischio nelle concessioni cimiteriali. La conferma a pagina 23 del “piano triennale di prevenzione della corruzione 2016-2018” approvato dalla giunta il 25 gennaio 2016.
Adesso, dopo il pregevole lavoro di Marcello Santarelli su Tiburno sugli “affari di famiglia” di padre e figlio Mazza, quel giudizio corrisponde, è adeguato? Oppure, per ragioni del tutto comprensibili, innanzitutto di opportunità, non sarebbe più opportuno un “passo indietro” di Marco Alia?

DI PASTROCCHI nella terza città del Lazio ne sono stati fatti in questi anni sul fronte della gestione del personale, sicuramente all’insaputa del commissario prefettizio che intanto all’indomani del suo insediamento, lo scorso 15 giugno, poteva dare un segnale rimuovendo l’attuale vertice burocratico. A difesa del principio della continuità amministrativa, Giuseppe Marani ha invece scelto (ancora) le competenze del segretario generale Rosa Mariani, da 10 anni continuativi al timone dell’ente. Val la pena ricordare che conseguenza […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Tra una settimana, al tribunale di Tivoli, “processo all’Inviolata”
Per “Colari ambiente” (Cerroni), “Edil Moter”, Zadotti e Baruchello
dopo la sconfitta in Cassazione chiesto il rinvio a giudizio

L'avvio del procedimento penale
E' UN PROCESSO ANCHE ALLA REGIONE LAZIO
E POTREBBE/DOVREBBE essere proprio il dibattimento che verrà a sciogliere alcuni nodi che non appaiono compresi nell'espressione rituale - il "rinvio a giudizio" - propria del procedimento. Nella quale non si ritrovano nomi e persone degli uffici competenti della Regione Lazio. In sostanza: già il 2 agosto del 2010 alla prima "conferenza dei servizi" preliminare al rilascio dell'Aia, non partecipava la Sovrintendenza ai beni paesaggistici. Perché nessuna l'aveva convocata nonostante l'obbligatorietà della presenza al "tavolo". Un obbligo seccamente confermato dalla Corte di cassazione, intervenuta nella vicenda proprio a seguito del ricorso di uno degli imputati odierni, Francesco Zadotti.

ll quale (unitamente ad Isabella Stolfi) s'era appellato contro il sequestro disposto il 30 luglio 2014 dal gip del tribunale di Tivoli ed eseguito dal Corpo forestale dello Stato, dell’area di “proprietà della Colari Ambiente Guidonia srl”, sulla quale l’Edil Moter stava realizzando il Tmb, “modificando l'originario assetto dei luoghi, sottoposti a vincolo paesaggistico in difetto di valido titolo abilitativo”. Sul ricorso contrario alla decisione, il 23 settembre di quell'anno tribunale del riesame aveva dato ragione alle aziende, le quali  avevano “incolpevolmente fatto affidamento sulla legittimità del provvedimento abilitativo, emesso dalla Regione, la cui illegittimità non appariva, ad avviso del decidente, di immediata evidenza, trattandosi di un profilo attinente all'iter amministrativo autorizzatorio, non facilmente conoscibile da parte dei soggetti estranei alla Pubblica Amministrazione, così da escludere l'elemento soggettivo dei reati ipotizzati”. Effetto, “restituzione dei beni sequestrati”.

Completamente avverso l'orientamento della Cassazione, che ha ritenuto"macroscopica omissione" il mancato invito della Regione Lazio nei confronti della "Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici, unico organo deputato ad emettere il parere finale". Di qui, nuovo sequestro del Tmb, il 7 aprile scorso.

Come detto, restano alcuni interrogativi: perché la Pisana ha deciso - ripetutamente - di ignorare la Sovrintendenza? Chi è responsabile di quanto accaduto? Chi ha ideato e realizzato la "macroscopica omissione"? Le risposte al procedimento.

FINALMENTE si avrà un responso: i permessi di costruzione dell’impianto per il Tmb (trattamento meccanico-biologico dei rifiuti) sono o meno rispettosi della normativa? La legge consentiva alla Regione Lazio di rilasciare l’Aia (autorizzazione integrata ambientale) priva del nulla-osta della Sovrintendenza ai beni paesaggistici alle società del “gruppo Cerroni”? era conforme la “determinazione Dirigenziale Regionale del 2/8/2010 n. 1869”? Secondo il pubblico ministero Stefania Stefania “no”, la Pisana non poteva. Proprio per l’assenza dell’atto. Mai richiesto. Nonostante fosse obbligatorio. Il che delegittima tutte […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Personale & Comune: 1) i contratti fiduciari
‘Assediato’ il commissario Marani dai questuanti dell’urbanistica
“Ferrucci deve tornare a occuparsi dell’assessorato a Guidonia”

Rosa Mariani, segretaria del Comune di Guidonia Montecelio

UMBERTO FERRUCCI deve tornare, riprendere le redini del settore urbanistica di Guidonia Montecelio, sue fin dai tempi del sindaco democrat Filippo Lippiello. Se lo augurano gli imprenditori che negli anni hanno rastrellato terreni agricoli, poi toccati dalla bacchetta magica della edificabilità proprio grazie all’ingegnere e alle sue capacità di conoscere e interpretare le leggi urbanistiche, la politica cittadina. Tutta. Senza distinzione di colore (non va sottovalutato che della città è stato anche sindaco, dc, nel 1993). […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

In manette l'”orco”: abusi su minori, pedopornografia, violenza
L’operazione illustrata in conferenza stampa da Menditto e pm
Il procuratore apre le porte del tribunale: è la prima volta a Tivoli

tribunale

di GIULIANO GIRLANDO TUTTO ERA cominciato con un annuncio pubblicato sul proprio profilo Facebook: “Si cercano piccoli artisti dagli 8 ai 16 anni possibilmente biondi con gli occhi azzurri da impiegare come elfo per Babbo Natale”. La realtà invece nascondeva una vicenda di abusi e violenze sessuali. Non personaggi fiabeschi e cartoni animati ma un film dell’orrore per le vittime che finivano nella rete del talent scout di Guidonia. “Joe”, 48 anni, di Villanova, da inizio […]

  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Terza ordinanza “mafia capitale”: stavolta sulla Regione Lazio
Chiuse le indagini per 28, compreso Marco Vincenzi
l’ex sindaco si dimette dalla commissione Bilancio e dal Pd

Marco Vincenzi
IL TESTO DELL'ACCUSA
Di seguito, lo stralcio relativo alla posizione di Marco Vincenzi e Salvatore Buzzi, ricavata testualmente dall'"avviso di conclusione delle indagini preliminari" e dall'"informazione di garanzia e sul diritto di difesa" firmati il 26 giugno 2016 da Giuseppe Pignatone, Paolo Ielo, Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli.


Marco Vincenzi e Salvatore Buzzi
del reato di cui agli artt. 110, 319, 321 c.p. perché Vincenzi nella sua qualità di componente del consiglio regionale e capogruppo del PD alla Regione Lazio, dunque pubblioc ufficiale, per porre in essere specifici atti contrari ai doveri del suo ufficio e, segnatamente, presentare due emendamenti alla proposta di Legge regionale 147/2014, n. 526 e 527, approvati il 17 giugno 2014 (recepiti nei c. 124 e 125 della L.R. 7/2014), finalizzati a mettere a disposizione direttamente ai Municipi/Comuni i forndi erogati dalla regione (1.200.000,00 Euro) previa presentazione di specifici progetti - così creando le premesse per consentire a Buzzi e alle cooperative ad esso riconducibili di superare le difficoltà per accaparrarsi le risorse economiche -  e attivarsi per individuare ulteriori 600.000,00 Euro
riceveva da Buzzi un contributo di Euro 10.000,00 (materialmente erogato il 5 giugno 2014 da 29Giugno Onlus) per le spese della campagna elettorale di Emanuela Chioccia, candidata sindaco, nel giugno 2014, del comune di Tivoli.

di TOMMASO VERGA e GIULIANO GIRLANDO 28 INDAGATI, oggetto di attenzione la Regione Lazio. E’ la terza tranche dell’inchiesta denominata “mafia capitale”, i cui termini sono stati sinteticamente resi pubblici questa mattina. Anche se, a ben vedere, il collegamento è totale con i precedenti, visto che nel numero figurano molti già imputati nel maxiprocesso di Rebibbia. Il 10 giugno d’un anno fa, la dichiarazione dai toni “cavallereschi”: “Non sono indagato per Mafia Capitale ma preferisco lasciare” l’incarico […]

  •  
  •  
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: