IL PROCURATORE CAPO SUL NUOVO ANNO GIUDIZIARIO
Menditto: radicata presenza di camorra, ‘ndrangheta, Cosa nostra
Disseminati depositi di armi da guerra, la cambusa della malavita
L’omertà sui reati contro la pubblica amministrazione e l’ambiente
Ed anche una “criminalità feroce” contro “cittadini in età avanzata”

Francesco Menditto

di ELISABETTA ANIBALLI e TOMMASO VERGA NESSUNA CONCESSIONE a un ambiente “romantico”, in passato anche giudiziario, che si vuole tratteggiare ancora “di paese”, “incline alle suggestioni del sentimento e della fantasia”, nel quale le liti riguardano il vicino confinante con la proprietà, i cani che abbaiano di notte, la scazzottata tra ubriachi, l’incidente stradale. Siamo ben oltre. Lo spaccio di droga, l’organizzazione criminale, le armi, fino al “modello di governo” di città nel quale un […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Corte dei conti: alla Cri di Latina danno erariale di 9 milioni
Vitaliano De Salazar (Rm5) dovrà rifondere 2 milioni 780mila euro
In aprile l’appello (ne dipenderà anche l’incarico al Policlinico)

Roma 12/10/2011. Foto di Andrea Panegrossi/GMT

di TOMMASO VERGA UN PROCEDIMENTO iniziato quasi una decina d’anni fa. Ed una nuova puntata, fissata in aprile, quando i giudici contabili dovranno definitivamente decidere dopo l’appello proposto dai condannati, contrario alla sentenza 515 della Corte dei conti del Lazio emessa il 3 dicembre 2015 (la pubblicazione risale al 5 febbraio 2016): quasi nove milioni di euro il danno erariale addebitato a quattro dirigenti della sanità. Tra i quali, Vitaliano De Salazar: la quota parte che […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

MAFIA CAPITALE / L’udienza dell’8 febbraio a Rebibbia
Mario Schina, il suggeritore per Marcellina e ‘Colle Cesarano’
“Fui io a indicare a Coltellacci quei siti, idonei per i rifugiati”

Mario Schina

(gi.gi.) “SEGNALAI a Sandro Coltellacci i siti di Marcellina e ‘Colle Cesarano’ a Tivoli, come idonei per i rifugiati”: così Mario Schina, collaboratore di Luca Odevaine, mercoledì 8 febbraio nell’aula bunker di Rebibbia. Dichiarazione spontanee, rese alla giudice Rosanna Ianniello alla presenza del pm Luca Tescaroli. Schina è accusato di corruzione aggravata ed è stato arrestato nel corso della prima tranche “Mondo di mezzo” nel dicembre 2014. Nel corso dell’interrogatorio, l’imputato ha detto che “la convenzione per i […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dal “patto delle sagne” alla riconquista del Comune di Tivoli
Il calumet della pace (se reggerà) tra le correnti del Pd
A Caronte-Piero Ambrosi il compito di unificare il centrosinistra

Tempo di elmetto per il sindaco di Tivoli Giuseppe Proietti

UN CORPO ESTRANEO
LA FASE giovanile nella Dc locale, una elezione a consigliere comunale alla fine degli anni Sessanta, il vissuto completamente estraneo al perimetro cittadino, grand commis del ministero dei Beni culturali, funzione che (dopo le “rivelazioni” su hinterland del giovane Giuliano Santoboni) per la città si tradusse in un vincolo di rispetto di Villa Adriana proprio alla vigilia dell’accordo tra il sindaco Gallotti e il patron dell’Inviolata Angelo Deodati sull’apertura di una discarica sui terreni limitrofi. Tiburtino di nascita, Giuseppe Proietti tre anni fa lo è divenuto anche per “adozione” con l’avvento alo scranno di primo cittadino. Un “corpo estraneo” insomma. Alla pratica dei partiti e dell’amministrazione di Palazzo San Bernardino.

di TOMMASO VERGA TUTTO DIPENDE dalle decisioni di Giuseppe Proietti, il sindaco espresso dalla coalizione di liste civiche. Se tenterà il bis, la forma della politica (schieramenti, liste, candidati) prenderà una piega, in caso contrario si imporrà la sostanza. Che l’opposizione non traduce, nell’un caso o nell’altro, in un mutamento di “linea”, ma semmai, capitolo per capitolo, in modifiche di tattica e adeguamento di strategia. Ne appare espressione consapevole, almeno nella fase corrente, il centrosinistra cittadino. […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Convitto di Tivoli e la ‘trasparenza’ del nuovo Istituto alberghiero
Si ignora bando di gara, prezzo di aggiudicazione, costruttore
Il sito web dormiente. Salvo la data: aggiornato al 14 giugno 2015

Antonio Manna

di TOMMASO VERGA SI PUO’ SCEGLIERE. La legge lo consente. Però ci sono dei limiti. Ai quali, obtorto collo, si deve sottostare. Poniamo serva un architetto: “prendiamo quello di Fondi”. L’importo della prestazione? “Inferiore ai 40mila euro iva esclusa”. Fatto. Si può (in uno screening sugli affidamenti professionali o per opere pubbliche 39.900 euro soverchiano ogni somma, un limite permanente). A Tivoli o nella città metropolitana di Roma c’è penuria di analoghe figure, che costerebbero […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le rivelazioni sui capitali esportati in Svizzera da Felice Maniero
Il suo luogotenente: non ha detto tutto grazie alle “coperture”
I contratti a Guidonia e Fonte nuova: qualcuno lo ha indirizzato?

Felice Maniero ai tempi di "faccia d'angelo"

di TOMMASO VERGA UNA VOLTA ERA consuetudine: “Buongiorno, sono il rappresentante…” di una società di aspirapolvere, di una enciclopedia, di un… eccetera. Da tempo non più, nemmeno i propagandisti di una nota marca di religione provvedono alla sveglia mattutina, il “porta a porta” in disuso, superato dalle regole del merchandising. Un’anomalia organizzativa quindi i contratti stipulati dai Comuni di Guidonia Montecelio e Fonte nuova con l’“Anyacquae srl”. Si presenta tal Luca Mori e diparte con in tasca […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

De Salazar lascia la Rm5 (andrà a dirigere il Policlinico Umberto I)
Nell’eredità al successore (se verrà) l’accordo su “Albuccione”
In tre anni la “fondazione Gari” dovrà alienare costruzioni e terreni

Albuccione, quartiere di Tivoli e Guidonia

di TOMMASO VERGA LA RM5 PERDE il capo. Vitaliano De Salazar, il direttore generale in carica dal 1° novembre 2015, scenderà da Tivoli per insediarsi al vertice del “Policlinico Umberto I”. Superate in questa settimana le ultime resistenze. In eredità al successore (ammesso occorra: la Rm5 è in fase di liquidazione), il manager lascia una serie di questioni aperte. La principale delle quali, si direbbe, è la definizione del “nodo Albuccione”, 258 ettari suddivisi tra […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Anche la “Csa srl” nell’odierna “operazione 26 milioni” sequestrati
E’ l’azienda di Castelforte che trattava i rifiuti di Guidonia
dopo la chiusura definitiva della discarica dell’Inviolata nel 2014

L'impianto di Castelforte della "Csa" (da 'latinacorriere.it)

APPOSTI I sigilli a 13 impianti di rifiuti e a due discariche nella regione, sequestrati 26 milioni di euro che la Procura della Repubblica di Roma ritiene profitto di attività illecite. 31 gli indagati. I provvedimenti a conclusione delle indagini svolte dalla Dda capitolina (la Direzione distrettuale antimafia). Le contestazioni: per più titoli di reato, gli indagati sono accusati di aver svolto attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e violazione delle prescrizioni Aia (Autorizzazione […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

‘ABUSO’ E ‘ABUSARE’ AD ALBUCCIONE
Vendo casa su Fb, i nomadi elettrizzati, la raccolta è “differenziata”
Le negligenze di Tivoli e Guidonia, le colpe di Asl e Regione Lazio
Il caso limite: pagata la ‘sanatoria’ mai rilasciati i relativi certificati

Albuccione, il quartiere tra Tivoli e Guidonia Montecelio

di TOMMASO VERGA QUESTA MANCAVA. Non che non fosse mai accaduto nei settanta anni di storia. Però si è sempre salvata la forma, ora è sufficiente un post su Facebook. Superficie dell’abitazione, spazio circostante, prezzo (“contattami in privato”), infine la puntualizzazione: “non mutuabile”. Che specifica il retroscena dell’operazione, visto che a vendere non è il proprietario ma l’affittuario, soggetto inesistente per la banca. Alla pari del disciolto Pio istituto di Santo Spirito e ospedali riuniti […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

VERSO LE ELEZIONI (DI PRIMAVERA?) A GUIDONIA / IL PD
Simone Guglielmo-Emanuele Di Silvio si contendono le “primarie”
A scompaginare il disegno il top manager Marco Rettighieri

Marco Rettighieri

di TOMMASO VERGA ANCHE UN “MISTER EXPO” in corsa per lo scranno più alto di Guidonia Montecelio. Candidato? Non ancora. Al momento, le suggestioni dei proponenti sono rivolte al “se” e al “quando” deciderà di accettare l’offerta. Venuta non soltanto dal Partito democratico si precisa, e non vincolata all’appartenenza politico-partitica. Espressione di una coalizione vasta, sintesi di un “governo di salute pubblica”. Il nome? Marco Rettighieri. Un top manager guidoniano, il curriculum denso di incarichi […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il “sistema Cotral”: ‘procedure operative complesse e farraginose’
‘controlli interni lacunosi o, meglio, praticamente inesistenti’
Il gip e i pm denunciano la gestione, intanto i vertici battibeccano

2017 cotral nuovi bus, jan

di TOMMASO VERGA COTRAL. LA PRECEDENZA alla cronaca. Al momento, sottoposto a custodia cautelare Mauro Valentini, titolare di una società appaltatrice, mentre raggiungono il numero di 50 gli avvisi di garanzia, comprendenti una ventina di dipendenti dell’azienda in tutto il Lazio, accusati di “aver favorito i proprietari delle officine di manutenzione omettendo volutamente di effettuare i prescritti riscontri e convalidando la regolarità delle lavorazioni effettuate a tutto vantaggio dei fornitori”. Scrive Massimo Battisti, il gip […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sarà José Bergoglio il “primo cittadino” di Guidonia Montecelio?
Dalla visita di domani a Setteville interrogativi sulla residenza
Vìctor Manuel Fernández: il Papa non deve abitare sempre a Roma

José Maria Bergoglio con Vìctor Manuel Fernández

di TOMMASO VERGA SARA’ FRANCESCO il prossimo “primo cittadino” di Guidonia Montecelio? Motivo di interesse (e di aspre polemiche) secondo Sandro Magister, il vaticanista-principe dell’informazione nazionale, che ne parla dettagliatamente – seppure con qualche tratto di incredulità – sul suo blog Settimo cielo. Tutto ha inizio con una intervista dello scorso giugno a Religión Digital. A parlare della possibile residenza extra-territoriale di Jorge Mario Bergoglio, è l’arcivescovo argentino Víctor Manuel Fernández, rettore della Universidad Católica Argentina di Buenos […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il 12 gennaio un sopralluogo della Commissione antimafia al Car
Pallottini e Regione: “mai ravvisati episodi di infiltrazioni criminali”
Ottaviano: “nessun controllo su provenienza di merci e fornitori”

IL CENTRO AGROALIMENTARE E LA DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA
La invasività delle “famiglie” conduce Francesco Menditto a soffermarsi sul Car, il centro agroalimentare nella Tenuta del cavaliere. Con una citazione proveniente direttamente dalla Dda, la Direzione nazionale antimafia. La quale rileva che “storicamente, nella zona di Guidonia e Tivoli, il rischio di infiltrazioni criminali di tipo mafioso si concentra nel Car in considerazione dell’entità degli interessi economici che ruotano intorno ad esso, poiché è il polo commerciale più grande d’Italia. Sono soprattutto i clan campani che paiono fortemente interessati ad ‘investire’ nel settore. Diffusi sono gli episodi di usura in danno di commercianti. La presenza di soggetti affiliati alla criminalità organizzata va ricollegata ad una silenziosa infiltrazione economica effettuata con attività di riciclaggio e con il reimpiego dei capitali di provenienza illecita”. Conclusione: il Car è oggetto di indagini del centro operativo Dia di Roma su delega della Dda di Napoli.

di TOMMASO VERGA NEL CENTRO agroalimentare di Roma (il Car) nessuna presenza di organizzazioni criminali. Lo fissa un verbale-comunicato curato dall’ufficio stampa del Consiglio regionale del Lazio. Il dettaglio: “La Commissione speciale sulle infiltrazioni mafiose e sulla criminalità organizzata nel territorio regionale ha incontrato – il 21 ottobre 2016, ndr – il direttore generale del Centro agroalimentare di Roma, Fabio Massimo Pallottini, e il direttore operativo Mauro Ottaviano. L’audizione, richiesta dal consigliere Gianluca Perilli, era finalizzata a verificare […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

PUBBLICATI DAL MINISTERO I RISULTATI DEL 2016
Aumentati le visite e gli incassi nei siti monumentali e archeologici
Villa d’Este mantiene la posizione, Villa Adriana esce dalla classifica

villa adriana

di GIULIANO GIRLANDO IL MINISTERO dei Beni culturali ha reso nota la classifica dei musei e dei siti archeologici italiani più visitati in relazione all’anno appena concluso. Sui 30 siti che hanno registrato le maggiori frequentazioni la parte del leone spetta al Lazio con 19 milioni di accessi (di cui un terzo su Roma, distribuiti tra Colosseo, Foro e Palatino), in calo di 150 mila unità rispetto al 2015. Per Tivoli numeri insoddisfacenti: Villa d’Este mantiene la […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’aspettativa per “tramutare” un dipendente in dirigente
e garantirgli un “ingiusto profitto” secondo la Procura di Roma
Non solo in Campidoglio, a Guidonia è storia di un anno fa

di ELIA PINCI SE VIRGINIA Raggi rischia la imminente (già oggi?) iscrizione nel registro degli indagati per abuso d’ufficio (un atto pressoché dovuto a questo punto della indagine) lo stesso varrebbe per altri sindaci/facenti funzione che hanno adottato le medesime procedure con le stesse finalità: garantire “un ingiusto profitto” a dipendenti comunali assunti a tempo indeterminato, cambiandoli di funzione e di riferimenti contrattuali, abusando dell’istituto dell’aspettativa. Il fulcro della indagine che in queste ore scuote […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I “metodi paramafiosi” dell’organizzazione degli egiziani al Car
Una “lezione” a due connazionali con coltelli e bastoni
Sette arresti in carcere, due denunce, decapitata la “Piramide”

La conferenza stampa sull'"operazione Piramide"

di GIULIANO GIRLANDO SETTE MISURE di custodia cautelare in carcere, posta in condizioni di non nuocere un’organizzazione di cittadini egiziani che operava in maniera indisturbata tra Roma, provincia e oltre. Baricentro il Car, i mercati generali di Guidonia Montecelio. Le accuse vanno dal tentato omicidio alle lesioni personali. Denunciate in stato di libertà, per concorso nel tentato omicidio e lesioni personali aggravate, altre 6 persone ed eseguite tredici perquisizioni locali e personali tra Roma, Guidonia Montecelio, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

GUIDONIA E IL “PLUS” SENZA CONTROLLI / 2
Dal ‘manoscritto’ sotto le determine “verificare prima di pagare”
al portale web “bella addormentata” da 53.565 euro

Il portale "guidoniaplus.it" com'è oggi; com'era nel 2013

di TOMMASO VERGA VERIFICARE PRIMA DI PAGARE… Tra le voci del default finanziario di Guidonia Montecelio una posizione di rilievo spetta al “Plus”, i fondi dell’Unione europea destinati ai programmi locali di sviluppo. Le modalità di esborso sono rivelate da una nota, manoscritta, al piede dei mandati di pagamento alle ditte o ai professionisti incaricati, controfirmati dal responsabile delle Finanze, il dirigente Gilberto Pucci: “dando atto che l’incarico è finanziato dalla Regione Lazio e che […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Una scarsa attenzione alla efficacia ed efficienza della spesa”
Il commissario sottolinea le responsabilità del default cittadino
La via d’uscita: una class action contro gli autori del disastro

default

di TOMMASO VERGA MENTRE APPARIVA su hinterlandweb la prima parte dell’inchiesta sul “Plus” (i fondi strutturali europei; domani la seconda), nello stesso giorno, Giuseppe Marani, commissario straordinario del Comune di Guidonia Montecelio, pubblicava la “sua” di inchiesta. Sulle finanze dell’ente. Indagine lunga e tortuosa, al punto da occupare sei mesi (nonostante permangano angoli bui non ancora del tutto messi in luce). Le conclusioni rappresentano una “mazzata” per i guidoniani: il municipio che li ospita è “fallito”. Per […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“DECIDE ROMA” E I SINDACI A DIFESA DELL’ACQUA
Cinque domande dei “movimenti” alla sindaca Virginia Raggi
I sindaci: “Non consegneremo gli impianti ad Acea Ato2”

I sindaci della Valle dell'Aniene riuniti ad Arsoli sabato scorso

NO ALLA CESSIONE DEGLI IMPIANTI AD ACEA ATO2
Arsoli, Valle dell’Aniene – I Sindaci dei Comuni di Arsoli, Agosta, Marano Equo e Roviano nell’Incontro di sabato 10 dicembre ad Arsoli, con la partecipazione e la solidarietà dei Comitati dell’Acqua e dei Comuni di Anticoli Corrado, Cineto Romano, Cervara di Roma, Vicovaro e Vallinfreda, ribadiscono di non arrendersi alle vessazioni di ACEA ATO2 e non consegneranno gli impianti idrici; dopo il ricorso al TAR la battaglia per l’Acqua Pubblica prosegue con l’Appello al Consiglio di Stato.
 Non è accettabile il “corto circuito” della Regione Lazio, che da una parte vota all’unanimità la Legge Regionale d’Iniziativa Popolare, promossa dai Comitati dell’Acqua: “Tutela Governo e Gestione Pubblica delle Acque” (L.R. 5/2014) e dall’altra non solo non dà seguito alla sua legittima applicazione, bloccando di fatto l’individuazione dei nuovi “Ambiti di Bacino Idrografici”(ABI) per la gestione Servizio Idrico Integrato, ma per di più diffida i Comuni, che non l’hanno ancora fatto, a consegnare gli impianti all’attuale gestore unico ACEA ATO2.
 La Legge attuativa c’è! E’ infatti da mesi in Commissione Ambiente la Proposta di Legge 238/2015, una proposta che ridisegna equamente gli ambiti di gestione del Servizio Idrico Integrato (ABI), e stabilisce nuove Convenzioni con i gestori che prevedono più trasparenza, maggior autonomia dei Sindaci e la partecipazione diretta dei cittadini nella gestione del Servizio Idrico poiché non sono più accettabili tariffe in costante aumento che incidono sulle già fragili economie delle famiglie e i continui disservizi del servizio idrico con interruzioni dell’erogazione dell’acqua anche di intere settimane.
 Chiediamo:
1) al Presidente del Consiglio Regionale del Lazio, Daniele Leodori, di calendarizzare la proposta di Legge 238/2015 per arrivare al più presto alla sua approvazione
2) a Virginia Raggi, Sindaco del Comune di Roma, di indire per metà Gennaio la Conferenza dei Sindaci dell’ATO2 e in quell’occasione di votare, con gli altri Comuni, una mozione che blocchi i procedimenti ingiuntivi di ACEA ATO2.
Comitato Acqua Bene Comune Valle dell’Aniene

da #DecideRoma #DecideLaCittà riceviamo e pubblichiamo IL VOTO del 4 dicembre ci dice molte cose, alcune delle quali sono il fulcro intorno al quale le realtà riunite nella rete “decideroma” lavorano ormai da due anni. La prima è forse la voglia di partecipazione, a dispetto del distacco dalla politica, dell’astensionismo… non è la voglia di scegliere che manca, piuttosto troppo spesso sono le proposte tra cui scegliere ad essere poco invitanti. La seconda è la bocciatura […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

GUIDONIA E IL “PLUS” SENZA CONTROLLI / 1
Dalla richiesta del Comune al professionista: “Il prezzo fallo tu”
ai 1.158.110 euro risparmiati dopo uno “stralcio” di 300mila

Il logo del Plus

di TOMMASO VERGA SI DIRA’: di nuovo la “Cilento ingegneria srl”? No, c’è ben altro. Ma, anche fosse, sarebbe legittimo, quei 90 mila euro imposte incluse, incassati dalla società “scomparsa” cinque settimane dopo il 14 maggio 2014 quando s’era aggiudicata un appalto del “sistema viario Selciatella-Tor Mastorta” – quali i compiti risulta incomprensibile pure se si volesse sillabare il capitolato –, a tutt’oggi non trovano giustificazione. La curiosità comunque da qualche parte sempre approda. Fra […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I RISULTATI DEL VOTO DEL 4 DICEMBRE
La maggioranza degli italiani si “sbarazza” dei quesiti referendari
A Roma città metropolitana il No è ovunque ancor più netto

tab referendum locale lunga

di TOMMASO VERGA “Il 40 PER CENTO degli elettori ha votato per Matteo Renzi”. Versione a edulcorare la batosta subita dal dimissionario presidente del Consiglio, un refrain quasi, utilizzato dagli argomentatori dei motivi della sconfitta post-consultazione referendaria. Un “ha perso il Sì però…” che ad altro non serve se non a ribadire la malefica personalizzazione del voto nel referendum costituzionale di ieri (e dire che già ai loro tempi i “padri fondatori” della Carta affermavano che l’esecutivo non dovesse entrarci). Così, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Undici davanti al giudice per gli appalti dell’Aeronautica militare
Tutto inizia a Pratica di Mare indagando sulla “Cpl Concordia”
Raffaele Cantone e il prefetto “salvano” il “Barbieri” di Guidonia

epa04418411 A British Royal Air Force  C-130 about to land at RAF Akrotiri, a British air base near Limassol, Cyprus 26 September 2014. In London the British parliament was voting to decide on military action in Iraq against ISIL and after a green light jets based on the island would be used to launch the offensive.  EPA/EPA/KATIA CHRISTODOULOU

di TOMMASO VERGA “CONCORDAVANO”. IN undici. Che adesso compariranno davanti al giudice. Accusa: giro di mazzette e carte mischiate sugli appalti aeroportuali. Incluso quello per la “manutenzione straordinaria palazzina n. 206 per alloggi personale frequentatore corsi aerocooperazione” presso l’”Alfredo Barbieri” di Guidonia Montecelio. Secondo la procura della Repubblica di Velletri (competente per Ciampino, sede del 2° Reparto Genio), nel valore globale erano compresi gli affidamenti di Capodichino, Centocelle, Vigna di Valle e Pratica di Mare. Dove, nel 2014, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

“Ho costruito un tratto di raccordo in provincia di Roma”
Nuova rivelazione di Nunzio Perrella sul traffico di rifiuti tossici
Indispensabile l’indagine nel comprensorio Tivoli-Guidonia

discariche abusive

di TOMMASO VERGA “NEL BRESCIANO siete rovinati più di noi. Rifiuti tossici: abbiamo sversato di tutto”. Il racconto del camorrista Nunzio Perrella – il boss pentito del Rione Traiano di Napoli –, a “Nemo-Nessuno escluso”, la trasmissione di Enrico Lucci andata in onda l’altra sera su Rai2, apre uno scenario inedito, squarcia un diaframma finora mai preso in considerazione: la “terra dei fuochi” è molto più vasta di quanto sinora indicato, i suoi confini sono il […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

IL REFERENDUM COSTITUZIONALE A TIVOLI E A GUIDONIA
Prima ancora che tra sì e no i partiti si dividono all’interno
Ci sono anche i ‘diversamente impegnati’ e chi rispunta fuori

urna elezioni sì-no

IL FATTO più evidente: la totale assenza – almeno fino a questo momento – dei seguaci del cavalier Silvio Berlusconi. Eccetto un manifesto di invito a votare “no” (“in difesa dei padri della Costituzione”…) nessun segno di vita. Né a Tivoli, né – la ragione è sicuramente intuibile; per informazioni: procura della Repubblica – a Guidonia Montecelio. Anche in occasione della scelta sì/no al quesito sulla riforma della Costituzione, Forza Italia si è affidata all’ex presidente […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Finisce l’era autonomi-partite iva e/o stipendiati dalle coop
L’accreditamento esclusivamente ad “aziende con dipendenti”
Zingaretti ripristina le regole Regione Lazio-sanità privata

L'Ini a Grottaferrata

di GIULIANO GIRLANDO CON UN DECRETO del 17 novembre, il commissario ad acta della sanità del Lazio, Nicola Zingaretti, presidente della giunta regionale, ha avviato una sostanziale rivoluzione nel settore delle Rsa (residenze sociosanitare assistenziali): d’ora in avanti le strutture accreditate saranno obbligate ad assumere direttamente il personale dedicato ai servizi alla persona. Effetto del protocollo d’intesa sottoscritto il 21 marzo dall’Aiop (la Confindustria della sanità privata) e dalle organizzazioni sindacali Cgil-Cisl-Uil, che prevede, nella sostanza, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: