“Ehi! c’è il metanodotto!”. “Chissene… noi facciamo l’acquedotto”
La canalina per sollevare Pontelucano dagli allagamenti
ha compromesso la distanza di sicurezza con la pipeline del gas

Lavori in corso al Mausoleo dei Plauzi

di GIULIANO GIRLANDO SU YOUREPORTER è conosciuto con lo pseudonimo di Smartjoe e i suoi video-racconti sul territorio tiburtino mostrano verità spesso taciute e coperte. Proprio giorni fa mentre svolgeva un servizio sul Mausoleo dei Plauzi, ormai tristemente famoso non per la sua storia millenaria ma per il “muro della vergogna” tuttora difeso dalla pubblica amministrazione, fa una scoperta che lui stesso definisce inquietante: “Dopo le idrovore che, durante le criticità meteo scaricano acqua di […]

  • 39
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
    40
    Shares

La Asl non va in ferie e si dedica agli utenti del “centro Alzheimer”:
il 15 settembre arriva un ‘nuovo soggetto erogatore’ dei servizi
Questa mattina (16 agosto) assemblea dei familiari degli ammalati

La comunicazione della Asl Rm5 all'Ihg

(g. gi.) LA COMUNICAZIONE è datata 9 agosto. Tre le firme, tutto il vertice della Rm5: Francesco Malatesta, Domenico Bracco e Vitaliano De Salazar, il direttore generale. Il destinatario è l’Ihg (Italian hospital group), al quale è stata intimata la cessazione del servizio di assistenza domiciliare agli afflitti da alzheimer. Attività che dal 15 settembre sarà affidata a un “nuovo soggetto erogatore”, in sostituzione dell’attuale insediatosi 14 anni fa. Non un cenno sulle motivazioni, men che meno sull’operatore prescelto. Compensa la ‘postilla’: siccome […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La gola squarciata (parla troppo), 30 colpi di piccone (come Giuda)
I criminologi interpretano i “segni” della furia omicida
Si riapre l’indagine sulla morte di Sergio Calore: pista, la vendetta

L'omicidio del giudice Vittorio Occorsio

di TOMMASO VERGA SERGIO CALORE e la sua uccisione. Secondo fonti bene informate le indagini sono riprese per accertare i motivi dell’assassinio e soprattutto scoprire chi ne sia stato l’autore. Un “giro di boa” ampiamente atteso nonostante le dichiarazioni ufficiali, da “cronaca nera”, rilasciate all’indomani del 6 ottobre 2010, quando Emilia Libera, la moglie – terrorista anch’essa, ma “rossa”, conosciuta nel supercarcere di Paliano –, ne scoprì il cadavere nel casolare di via Colle Spinello, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da Colle Cesarano il finanziamento agli “Annali” di Cineto romano
Ma il milione e duecentomila euro non appaiono nei bilanci
Massimo Baroni (5stelle) al governo: si revochi l’accreditamento

"Gli Annali" di Cineto

(t. ve.) L’IMPEGNO di Massimo Forti è risultato sinora dedicato alla gestione degli “Annali” di Cineto Romano, una Rsa (residenza sanitaria assistenziale) che ebbe il suo momento di notorietà quando finirono in cassa integrazione due dozzine di dipendenti dei quali 18 persero definitivamente il posto di lavoro – tra i quali Monica Gregori, la parlamentare di Sinistra italiana – il 31 dicembre 2013. Per rientrare nei parametri fissati dalla Regione Lazio la motivazione, unita alla […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le “linee guida” e le strategie del nuovo Piano regolatore di Tivoli
“Senza consumo di suolo” e “pendolarismo in tempi congrui”
Ignorata (anzi…) qualsiasi ipotesi avversa a Roma “radiocentrica”

Nessuna confusione: una giornata di ordinaria vivibilità sulla via Tiburtina

di TOMMASO VERGA A TIVOLI-CITTA’, l’affermazione “senza ulteriore consumo di suolo” è talmente condivisa da non lasciare quasi traccia. Perché risiede nella consapevolezza generale l’interrogativo “quale suolo?”. Ovunque, nella pratica, la questione si pone – l’esempio esemplare è Guidonia Montecelio – per contrastare le mire dei “palazzinari”. Che però, nel caso, guardano altrove, considerando Tivoli un campo di battaglie superate e vinte. Infatti la città non ha più suolo disponibile. Tolti residui, limitati ettari distribuiti […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non “persiste l’interesse all’ulteriore prosecuzione dell’incarico”
“E’ venuto meno il rapporto di fiducia”: Marani licenzia Ferrucci
In sua vece Marco Simoncini richiamato dalla città metropolitana

Umberto Ferrucci

LICENZIATO Umberto Ferrucci. Meglio: “non persiste l’interesse dell’Amministrazione comunale di Guidonia Montecelio all’ulteriore esecuzione dell’incarico di dirigente”. Un periodo virgolettato, “burocratese” che vorrebbe addolcire la sostanza del provvedimento, che però nelle premesse tira comunque in ballo le “dichiarazioni mendaci” dell’ingegnere relative alla condanna di otto mesi comminatagli dal tribunale di Tivoli. Il dirigente comunale era in procinto di riprendere il suo posto dopo la sospensione di 18 mesi adottata per il medesimo motivo, in applicazione […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eligio Rubeis rimane ai domiciliari, respinta l’istanza dei difensori
A rischio le prove dell’udienza del 2 novembre o pericolo di fuga?
Anche se l’11 ottobre cessano i 15 mesi di carcerazione preventiva

Eligio Rubeis

(t. ve.) RESPINTA la nuova istanza di scarcerazione, Eligio Rubeis rimane agli arresti domiciliari. Tramontata definitivamente la possibilità di riacquistare la libertà, all’ex sindaco di Guidonia Montecelio non resta che attendere l’11 ottobre quando scadrà il limite massimo dei quindici mesi di detenzione preventiva. Sull’ipotesi più benevola, trapelava ottimismo all’indomani della terza udienza dell’11 luglio: sciolto il Consiglio comunale di Guidonia Montecelio veniva meno la possibilità di “reiterare il reato”, motivo più che sufficiente a giustificare […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il commissario a conclusione della perlustrazione: troppi debiti
La conseguenza potrebbe significare “dissesto finanziario”
Un mese per scovare i “numeri”… ma allora il “bilancio Di Palma”?

I commissari Giuseppe Marani e Carlo Foti

GIUSEPPE MARANI un mese dopo. Cosa ha ricavato dall’esperienza vissuta nelle stanze del Comune di Guidonia Montecelio? Di quella umana – pur immaginando, conoscendo i luoghi e chi li frequenta – non va detto nulla, appartiene all’intimo della persona ed è bene che lì alberghi. Invece interessante gli amministrati, i cittadini, è la funzione, lo sbrogliamento della matassa propria del titolo, un prefetto dello Stato italiano. Il primo annuncio del commissario di governo, succeduto allo […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Personale & Comune: 2) rup, parenti, p.o., amici, stagisti
“Ma quante belle figlie madama Dorè” nel municipio di Guidonia
E la casta degli inamovibili, nemmeno ‘adatti’ alla rotazione

La pagina 23 del piano triennale anticorruzione

LA COMMISSIONE ALIA E IL BASSO TASSO DELLE CONCESSIONI CIMITERIALI

INTANTO Giuseppe Marani si occupa del camposanto, e compone una commissione d’indagine sull’assegnazione dei lavori per il raddoppio del cimitero. Giunta con due anni di ritardo rispetto all’aggiudicazione dell’appalto al “Consorzio Comor”. Quindi nomina una commissione di dirigenti del Comune per accertare i motivi, a cominciare dal capire perché Salvatore Mazza – ex responsabile dell’ufficio - si sia opposto alla privatizzazione della struttura. In sostanza cosa è accaduto?
Al vertice della neonata commissione, Marco Alia, responsabile dell’anticorruzione cittadina; ai lati, Antonietta Auciello e Paola Piseddu. Il problema è proprio qui: Alia ha già espresso il proprio convincimento sulla questione-cimitero, dichiarando nero su bianco “basso” il rischio nelle concessioni cimiteriali. La conferma a pagina 23 del “piano triennale di prevenzione della corruzione 2016-2018” approvato dalla giunta il 25 gennaio 2016.
Adesso, dopo il pregevole lavoro di Marcello Santarelli su Tiburno sugli “affari di famiglia” di padre e figlio Mazza, quel giudizio corrisponde, è adeguato? Oppure, per ragioni del tutto comprensibili, innanzitutto di opportunità, non sarebbe più opportuno un “passo indietro” di Marco Alia?

DI PASTROCCHI nella terza città del Lazio ne sono stati fatti in questi anni sul fronte della gestione del personale, sicuramente all’insaputa del commissario prefettizio che intanto all’indomani del suo insediamento, lo scorso 15 giugno, poteva dare un segnale rimuovendo l’attuale vertice burocratico. A difesa del principio della continuità amministrativa, Giuseppe Marani ha invece scelto (ancora) le competenze del segretario generale Rosa Mariani, da 10 anni continuativi al timone dell’ente. Val la pena ricordare che conseguenza […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Tra una settimana, al tribunale di Tivoli, “processo all’Inviolata”
Per “Colari ambiente” (Cerroni), “Edil Moter”, Zadotti e Baruchello
dopo la sconfitta in Cassazione chiesto il rinvio a giudizio

L'avvio del procedimento penale
E' UN PROCESSO ANCHE ALLA REGIONE LAZIO
E POTREBBE/DOVREBBE essere proprio il dibattimento che verrà a sciogliere alcuni nodi che non appaiono compresi nell'espressione rituale - il "rinvio a giudizio" - propria del procedimento. Nella quale non si ritrovano nomi e persone degli uffici competenti della Regione Lazio. In sostanza: già il 2 agosto del 2010 alla prima "conferenza dei servizi" preliminare al rilascio dell'Aia, non partecipava la Sovrintendenza ai beni paesaggistici. Perché nessuna l'aveva convocata nonostante l'obbligatorietà della presenza al "tavolo". Un obbligo seccamente confermato dalla Corte di cassazione, intervenuta nella vicenda proprio a seguito del ricorso di uno degli imputati odierni, Francesco Zadotti.

ll quale (unitamente ad Isabella Stolfi) s'era appellato contro il sequestro disposto il 30 luglio 2014 dal gip del tribunale di Tivoli ed eseguito dal Corpo forestale dello Stato, dell’area di “proprietà della Colari Ambiente Guidonia srl”, sulla quale l’Edil Moter stava realizzando il Tmb, “modificando l'originario assetto dei luoghi, sottoposti a vincolo paesaggistico in difetto di valido titolo abilitativo”. Sul ricorso contrario alla decisione, il 23 settembre di quell'anno tribunale del riesame aveva dato ragione alle aziende, le quali  avevano “incolpevolmente fatto affidamento sulla legittimità del provvedimento abilitativo, emesso dalla Regione, la cui illegittimità non appariva, ad avviso del decidente, di immediata evidenza, trattandosi di un profilo attinente all'iter amministrativo autorizzatorio, non facilmente conoscibile da parte dei soggetti estranei alla Pubblica Amministrazione, così da escludere l'elemento soggettivo dei reati ipotizzati”. Effetto, “restituzione dei beni sequestrati”.

Completamente avverso l'orientamento della Cassazione, che ha ritenuto"macroscopica omissione" il mancato invito della Regione Lazio nei confronti della "Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici, unico organo deputato ad emettere il parere finale". Di qui, nuovo sequestro del Tmb, il 7 aprile scorso.

Come detto, restano alcuni interrogativi: perché la Pisana ha deciso - ripetutamente - di ignorare la Sovrintendenza? Chi è responsabile di quanto accaduto? Chi ha ideato e realizzato la "macroscopica omissione"? Le risposte al procedimento.

FINALMENTE si avrà un responso: i permessi di costruzione dell’impianto per il Tmb (trattamento meccanico-biologico dei rifiuti) sono o meno rispettosi della normativa? La legge consentiva alla Regione Lazio di rilasciare l’Aia (autorizzazione integrata ambientale) priva del nulla-osta della Sovrintendenza ai beni paesaggistici alle società del “gruppo Cerroni”? era conforme la “determinazione Dirigenziale Regionale del 2/8/2010 n. 1869”? Secondo il pubblico ministero Stefania Stefania “no”, la Pisana non poteva. Proprio per l’assenza dell’atto. Mai richiesto. Nonostante fosse obbligatorio. Il che delegittima tutte […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Personale & Comune: 1) i contratti fiduciari
‘Assediato’ il commissario Marani dai questuanti dell’urbanistica
“Ferrucci deve tornare a occuparsi dell’assessorato a Guidonia”

Rosa Mariani, segretaria del Comune di Guidonia Montecelio

UMBERTO FERRUCCI deve tornare, riprendere le redini del settore urbanistica di Guidonia Montecelio, sue fin dai tempi del sindaco democrat Filippo Lippiello. Se lo augurano gli imprenditori che negli anni hanno rastrellato terreni agricoli, poi toccati dalla bacchetta magica della edificabilità proprio grazie all’ingegnere e alle sue capacità di conoscere e interpretare le leggi urbanistiche, la politica cittadina. Tutta. Senza distinzione di colore (non va sottovalutato che della città è stato anche sindaco, dc, nel 1993). […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In manette l'”orco”: abusi su minori, pedopornografia, violenza
L’operazione illustrata in conferenza stampa da Menditto e pm
Il procuratore apre le porte del tribunale: è la prima volta a Tivoli

tribunale

di GIULIANO GIRLANDO TUTTO ERA cominciato con un annuncio pubblicato sul proprio profilo Facebook: “Si cercano piccoli artisti dagli 8 ai 16 anni possibilmente biondi con gli occhi azzurri da impiegare come elfo per Babbo Natale”. La realtà invece nascondeva una vicenda di abusi e violenze sessuali. Non personaggi fiabeschi e cartoni animati ma un film dell’orrore per le vittime che finivano nella rete del talent scout di Guidonia. “Joe”, 48 anni, di Villanova, da inizio […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Terza ordinanza “mafia capitale”: stavolta sulla Regione Lazio
Chiuse le indagini per 28, compreso Marco Vincenzi
l’ex sindaco si dimette dalla commissione Bilancio e dal Pd

Marco Vincenzi
IL TESTO DELL'ACCUSA
Di seguito, lo stralcio relativo alla posizione di Marco Vincenzi e Salvatore Buzzi, ricavata testualmente dall'"avviso di conclusione delle indagini preliminari" e dall'"informazione di garanzia e sul diritto di difesa" firmati il 26 giugno 2016 da Giuseppe Pignatone, Paolo Ielo, Giuseppe Cascini e Luca Tescaroli.


Marco Vincenzi e Salvatore Buzzi
del reato di cui agli artt. 110, 319, 321 c.p. perché Vincenzi nella sua qualità di componente del consiglio regionale e capogruppo del PD alla Regione Lazio, dunque pubblioc ufficiale, per porre in essere specifici atti contrari ai doveri del suo ufficio e, segnatamente, presentare due emendamenti alla proposta di Legge regionale 147/2014, n. 526 e 527, approvati il 17 giugno 2014 (recepiti nei c. 124 e 125 della L.R. 7/2014), finalizzati a mettere a disposizione direttamente ai Municipi/Comuni i forndi erogati dalla regione (1.200.000,00 Euro) previa presentazione di specifici progetti - così creando le premesse per consentire a Buzzi e alle cooperative ad esso riconducibili di superare le difficoltà per accaparrarsi le risorse economiche -  e attivarsi per individuare ulteriori 600.000,00 Euro
riceveva da Buzzi un contributo di Euro 10.000,00 (materialmente erogato il 5 giugno 2014 da 29Giugno Onlus) per le spese della campagna elettorale di Emanuela Chioccia, candidata sindaco, nel giugno 2014, del comune di Tivoli.

di TOMMASO VERGA e GIULIANO GIRLANDO 28 INDAGATI, oggetto di attenzione la Regione Lazio. E’ la terza tranche dell’inchiesta denominata “mafia capitale”, i cui termini sono stati sinteticamente resi pubblici questa mattina. Anche se, a ben vedere, il collegamento è totale con i precedenti, visto che nel numero figurano molti già imputati nel maxiprocesso di Rebibbia. Il 10 giugno d’un anno fa, la dichiarazione dai toni “cavallereschi”: “Non sono indagato per Mafia Capitale ma preferisco lasciare” l’incarico […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’opposizione (5stelle e Partito democratico) illustra ai commissari
il “sistema di potere” che ha ridotto Guidonia in queste condizioni
Ora, inevitabile, l’operazione verità: il (vero) rendiconto di bilancio

La piazza del Comune di Guidonia e la torre del fascio

L’ULTIMO OGGI. Con la deposizione di Paolo Giammaria si è esaurito il rendez vous tra Giuseppe Marani e Carlo Foti, i due commissari, e gli ex capigruppo delle formazioni presenti nel (non ancora ufficialmente?) disciolto Consiglio comunale di Guidonia Montecelio. A valutare le impressioni dei partecipanti politici che avevano “cose da dire”, dai semplici rilievi alle contestazioni formali e di sostanza, gli incontri si direbbe siano stati soddisfacenti, almeno per chi in questi due ultimi […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

In articulo mortis, De Paolis affida i lavori per il nuovo cimitero
La firma il 13 giugno e il “Consorzio Comor” inizia la costruzione
Poi lo gestirà per 25 anni (anche le attività fuori dell’appalto)

Il cimitero di Montecelio

NON SOLTANTO IL decreto sindacale sull’ennesimo girotondo dei dirigenti firmato dal Di Palma, l’ex facente funzioni dell’ex sindaco Eligio Rubeis, a capo dell’ex amministrazione di centrodestra che ha governato Guidonia Montecelio fino allo scioglimento dell’ex Consiglio comunale del 13 giugno. Ma anche l’affidamento dei lavori per il raddoppio del cimitero comunale. Nella stessa data. La firma è dell’architetto Angelo De Paolis, ex capo-staff dell’ex sindaco Rubeis, ex dirigente dei Lavori Pubblici, ora all’area IV. Il progetto […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giuseppe Marani è il commissario prefettizio di Guidonia
L’esame del bilancio comunale nelle mani di Carlo Foti

I commissari Giuseppe Marani e Carlo Foti

GIUSEPPE MARANI, viceprefetto, è il commissario che governerà Guidonia Montecelio fino alle elezioni del prossimo anno. Esperienze analoghe nelle province di Bari (Santeramo in Colle) e di Caserta (San Cipriano d’Aversa), nel cui comprensorio è stato inoltre impegnato nella commissione d’accesso per accertare la non sussistenza di “pericoli di infiltrazioni di tipo mafioso nei servizi del Comune di Trentola”. Infine, nel gennaio 2013, Giuseppe Marani è stato nominato sub-commissario alla Provincia di Roma con deleghe a Personale, formazione, […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Non soltanto le intercettazioni contro l’ex sindaco Eligio Rubeis
Ieri, la “sfilata” dei primi testi conferma l’impostazione del pm
La difesa: “Un processo fondato sul nulla, un ‘processo politico’”

Il sostituto procuratore Luigi Pacifici

UNA IMPALCATURA accusatoria che troverebbe conferma non solo nelle intercettazioni. I testimoni che ieri hanno deposto davanti alla Corte nel corso della terza udienza del processo a Eligio Rubeis, il sindaco (ormai ex) di Guidonia Montecelio, confermerebbero la tesi che il sostituto procuratore della Repubblica Luigi Pacifici intende provare: Rubeis fece pressioni sugli imprenditori locali, piegando alla sua volontà l’alta burocrazia dell’ente, sfruttando la sua posizione di vertice politico dell’amministrazione, utilizzando linguaggi non convenzionali e […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La prefettura manda al macero il decreto sindacale di Di Palma
Non legittima la “revisione” delle funzioni dei dirigenti
Eh, quell’impiegato che ha datato in ritardo il provvedimento…

La viceprefetto Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi

NON VALE. UN diniego che ha creato un vero e proprio inferno nel Comune di Guidonia Montecelio. Il decreto sindacale firmato tre giorni fa dal facente funzioni Andrea Di Palma – hinterlandweb del 14 giugno –, destinato a ‘sistemare’ Urbanistica, Lavori pubblici e staff (non si è capito di chi), ha sollevato le ire della prefettura di Roma. Che non ha semplicemente rimbrottato l’autore ma preteso la revoca. Avvenuta ieri. Immaginarsi le reazioni. Uno dei beneficiati (non titolato, semplicemente acquisito […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Di Palma dimesso? L’annuncio rivolto a un indefinito futuro
Intanto ieri ha ‘sistemato’ Urbanistica e Lavori pubblici
ma anche i servizi di staff: a beneficio d’un sindaco non c’è più

Il decreto sindacale firmato il 13 da Andrea Di Palma

IL BICCHIERE della staffa. Andrea di Palma – prima? dopo? sull’orlo? di sprofondare nel precipizio assieme alla sua giunta e alla maggioranza che lo sosteneva – mette mano alla ennesima “ristrutturazione” della macchina burocratica dell’ente, nei vertici stavolta, specificando di voler attribuire le funzioni previste dagli articoli 107 (ai comma 2 e 3) e 109 del decreto legislativo 267 del 2000 ai dirigenti di ruolo e non, ossia assunti a tempo indeterminato con regolare concorso […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Bocciato il bilancio, sciolto il Consiglio comunale di Guidonia
Con Pd e 5stelle voto decisivo dei 4 dissidenti del centrodestra
Un anno di amministrazione nelle mani del commissario

L'aula del Consiglio comunale provvista di megaschermo

“VOTI A FAVORE: 11, VOTI CONTRARI: 13, il bilancio non è approvato”. Viene da sé lo scioglimento anticipato dell’Assemblea. Per legge, non appena pubblicato il relativo decreto ministeriale. A notte inoltrata, dopo sette ore di discussione, il Consiglio comunale di Guidonia Montecelio eletto il 25 maggio 2014 non c’è più, sciolto con anticipo di tre anni rispetto alla scadenza naturale. Respingono il documento finanziario Partito democratico, Movimento 5stelle, Anna Maria Vallati, Mario Valeri e Stefano Sassano, i tre dissidenti di Forza […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ieri, in Corte d’appello, esaminate le istanze dei legali di Rubeis
“Revoca degli arresti domiciliari e annullamento del processo”
Mercoledì udienza a Tivoli, con l’escussione dei testi della difesa

L'ex 'Tommaseo', sede del tribunale di Tivoli

IERI MATTINA s’è svolta l’udienza presso la Corte d’appello di Roma su richiesta dei difensori di Eligio Rubeis, il sindaco di Guidonia Montecelio da dieci mesi sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari (precisazione per i lettori: l’esame non è avvenuto nelle aule del tribunale di Tivoli, come erroneamente riportato ieri l’altro, ma presso la Corte d’appello di Roma. Infatti la procedura prevede che, dopo il rigetto del Riesame e della Cassazione, a decidere sull’eventuale ulteriore […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Domani Andrea Di Palma si dimette, anzi no, forse lo annuncia
Perché potrebbe tornare in libertà il ‘titolare’ Eligio Rubeis
I legali: basta i “domiciliari”, il processo è nullo, tutto da rifare

L'ex sindaco Eligio Rubeis

“E SE DOMANI io (non) dovessi rivedere te?”. Perché, domani, qualcosa comunque succederà con l’esplosione della mina. In un senso o in quello contrario. I “notabili di Forza Italia” interpellati sulla crisi irreversibile del governo di centrodestra, il 31 maggio scorso, dichiaravano a Gea Petrini, direttore di Dentro Magazine on line: “Suggeriamo di attendere gli esiti giudiziari dell’ultima mossa in ordine di tempo dei legali del sindaco di Guidonia Montecelio Eligio Rubeis… il 10 giugno si […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il consiglio comunale di Guidonia convocato alle 19 di lunedì
per l’esame del 4-4-2 del facente funzioni Andrea di Palma
Oggetto: discussione del bilancio della partita contro il Belgio

don camillo e peppone

TANTO PER scomodare Guareschi: ci vorrebbe qualcosa per salvare “la capra di Peppone e i cavoli di Don Camillo” nella città dei paradossi dove – è l’ultimo colpo di una sceneggiatura tridimensionale – si gioca la partita della Nazionale proprio nelle ore del consiglio comunale più importante. Sì o no al Bilancio. Una seduta che nelle previsioni (e nelle sommatorie aritmetiche) dovrebbe decretare il dissolvimento del centrodestra al governo della città. Mossa della disperazione? Casualità? […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Guidonia Montecelio: in Consiglio comunale entra Wilma Sinibaldi
“Non vedo l’ora di approvare il bilancio che la città attende”
Appuntamento a lunedì 13, ma i numeri per Di Palma non ci sono

wilma1

MANCA MARIO Valeri (un inderogabile impegno di lavoro la giustificazione), manca il Movimento5stelle, manca il Partito democratico. O meglio: c’è Emanuele Di Silvio, non in rappresentanza dei democrat bensì a titolo personale. Solo procedura nelle battute del Consiglio comunale riunito oggi pomeriggio a Guidonia Montecelio, dedicato alla surroga dei consiglieri comunali che hanno preso la via delle dimissioni. Ultimi, il primo di giugno, Gianluigi Marini e Veronica Cipriani, unitamente all’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Nardecchia. Che […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il voto a MARCELLINA ridisegnerà l’intero comprensorio sabino
La scelta: essere ‘provincia’ di Guidonia o brillare di luce propria
Con Palombara rimane l’ultima area con offerta di terreni ‘utili’

Marcellina, corso Vittorio

di TOMMASO VERGA NELLA “PARTITA elettorale” del 5 giugno – che ci si augura abbia una partecipazione popolare migliore o almeno pari a quella delle settimane successive – molti i Comuni interessati del comprensorio a nordest di Roma. Uno, Mentana, sopra i 25 mila abitanti, si potrebbe verificare il ricorso al ballottaggio, in tutti gli altri, sotto la soglia prescritta dei 15 mila, nella notte tra domenica e lunedì si conoscerà il nome del sindaco. La distinzione numerica […]

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: