La «subconcessione» per l’utilizzo delle acque albule in favore dell’omonima SpA è stata rinnovata dal Comune di Tivoli nel 2018 in violazione della normativa europea per la tutela della libera concorrenza